Caricamento in corso

Da Santarpia a Firenze arriva Michele Leo, “il poeta della pizza”

Continua il percorso della pizzeria di Largo Annigoni nel segno della qualità e della napoletanità

MIchele leo Santarpia

Tre anni fa questa pizzeria apriva le sue porte ai fiorentini, con tanta emozione e un pizzico di orgoglio per un progetto innovativo nella città di Firenze.

Oggi, con questi sentimenti ancora più vivi, è lieta di annunciare la sua collaborazione con Michele Leo, maestro indiscusso della pizza Napoletana.

Per Michele fare la pizza è un atto necessario, naturale. Vederlo lavorare è un piacere e ancora di più lo è assaggiare le sue pizze, caratterizzate da impasto leggero, altamente digeribile, sempre coerente con la tradizione napoletana. Ascoltare il crock del cornicione è obbligatorio!

Leo ha una preparazione come cuoco oltre che come pizzaiolo, applica tecniche di cucina per la lavorazione di ogni singolo ingrediente che viene posto sulla pizza, così da esaltare i sapori di ogni prodotto e allo stesso tempo creare qualcosa di nuovo in grado di stupire anche i clienti più esigenti.

“Michele Leo rappresenta l’equilibrio perfetto tra complessità e semplicità. Professionista di grande esperienza, considerato e conosciuto da grandi chef e maestri Pizzaioli ci ha immediatamente fatti innamorare della cura e dell’eleganza che trasmette nel suo lavoro” dichiara Pietro Baracco, fondatore e proprietario di Santarpia insieme a Simone Fiesoli che continua. “Le sue pizze fatte di ingredienti semplici ma lavorati con grande professionalità e maestria, trasmettono esperienza, amore, e una grande passione che ogni volta ritrovo armonizzati in ogni sua creazione”

La scelta di portare questo grande maestro da Santarpia è stata fatta nel segno della costante e continua ricerca di qualità che contraddistingue questo locale dalla sua apertura.

Michele arriva in pizzeria il 6 dicembre con un menù di pizze selezionate per la festività.

Fonte: Comunicati Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Lascia in Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni