Caricamento in corso
Salvatore Di Matteo LeGourmet

Salvatore Di Matteo LeGourmet, un angolo di Napoli a Roma

Salvatore Di Matteo LeGourmet: il nuovo indirizzo in franchising del pizzaiolo napoletano è il primo indirizzo fuori dalla città di Napoli. In menu i classici fritti partenopei, le buone pizze al forno a legna e tanti prodotti made in Campania.

Ha aperto già da qualche mese, ma in sordina – fino alla serata per la stampa del 25 giugno scorso, cui abbiamo partecipato anche noi – il nuovo indirizzo (il primo fuori Napoli, dopo la sede sul lungomare) del format in franchising di Salvatore Di Matteo, rappresentante di una delle storiche famiglie della pizza napoletana.

IMG

Salvatore Di Matteo LeGourmet

Il critico e giornalista enogastronomico Luigi Cremona ha moderato la serata raccontando insieme a Salvatore il nuovo concept di Franchising “Salvatore Di Matteo LeGourmet” che come primo indirizzo fuori dalla città di Napoli ha da poco aperto leporte nella capitale, proprio nel cuore di Roma, in Via Vittoria Colonna 32  a due passi da Piazza Cavour. Dunque, oltre a curare lo storico locale di famiglia a via dei Tribunali, Salvatore è impegnato in prima persona e “da solista” (insieme alla compagna Sarah Ancarola, cantante e ideatrice del progetto Terronian e del brand Eccellenze del Sud, per cui Salvatore seleziona e mette a punto prodotti e ricette di buona qualità made in Sud) in questa avventura, cominciata appunto con il locale sul lungomare napoletano. I prodotti – che in etichetta riportano il termine dialettale e il relativo numero della smorfia – sono anche in vendita nel locale. Al forno e agli impasti, un collaudato team di collaboratori.

Salvatore Di Matteo LeGourmetSalvatore Di Matteo LeGourmetSalvatore Di Matteo LeGourmet

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nato dal bel restyling degli ampi spazi (800 mq suddivisi su tre piani) che avevano ospitato lo Splendor Parthenopes a Prati, a due passi da piazza Cavour, segnando in qualche modo il “destino napoletano” dell’indirizzo, il locale romano è moderno e accogliente, con una decisa connotazione partenopea sottolineata da tanti piccoli dettagli che non scadono mai nel cliché folkloristico: dalle colorate maioliche di Vietri ai corni e le sagome di San Gennaro disseminati qua e là fino ai suggestivi quadri di Gennaro Regina, artista, designer e gallerista napoletano, rappresentante della “pop art partenopea”. E poi il forno a legna, rivestito di piastrelle rosse, quasi a ricordare il fuoco del Vesuvio.

Salvatore Di Matteo LeGourmetAnche per questo nuovo indirizzo il pizzaiolo ha dunque selezionato molti prodotti campani che sono stati proposti in assaggio durante la serata, a cominciare da mozzarelle di bufala, mozzarelle affumicate, ricotta di fuscella del Gruppo Amodio, accompagnate dalle bollicine e dai vini di Feudi di San Gregorio. Anche i dolci, fatti in casa, sono tipicamente napoletani come il goloso babà servito in chiusura insieme al caffè Izzo (dolci e caffè sono proposti anche nella caffetteria, aperta dalle 7 alle 24).

Salvatore Di Matteo LeGourmet

Salvatore Di Matteo LeGourmet

Il menu contempla diverse proposte che esulano dall’offerta classica della pizzeria napoletana, come gli ottimi crostini di pane cafone con provola fresca, alici di Cetara e burro fuso al pepe o il cannolo di parmigiana di melanzane. Non si possono tralasciare i fritti, storico cavallo di battaglia di Di Matteo, che si confermano buonissimi anche a Roma soprattutto per quel che riguarda i crocché di patate e la strepitosa frittatina classica (ci ha convinti di meno l’arancino).

Ma, naturalmente, il fulcro dell’offerta sono le pizze, suddivise in quelle della tradizione e quelle gourmet (curioso come Salvatore abbia scelto di fare suo questo termine, da tanti contestato soprattutto nel mondo napoletano) e poi le Special Edition, studiate appositamente per il progetto LeGourmet . Noi, in occasione della serata stampa, abbiamo assaggiato tre proposte dalla seconda e terza parte del menu.

Salvatore Di Matteo LeGourmetSiamo partiti – dopo abbondanti assaggi preliminari – dalla pizza fritta Special Edition Essenzia (che si è meritata il primo posto nella Pizza World Cup 2013, a 9 euro in menu) con provolone del Monaco, pomodoro del Piennolo, provola di latte vaccino e basilico.

Salvatore Di Matteo LeGourmet

Poi ancora una “Special Edition”, il mio assaggio preferito della serata, un capolavoro di gusto e semplicità con ingredienti super e un impasto leggero e perfetto: la Campania Felix (10 euro, primo posto Coppa Italia- Pizza di Qualità 2012) con doppio pomodoro (pelati e piennolo), mozzarella di bufala, formaggio grattugiato, basilico ed olio extravergine.

Salvatore Di Matteo LeGourmet

Infine la Faccia Gialla (10 euro) , pizza gourmet dedicata al santo patrono di Napoli – San Gennaro! – con pomodorini gialli del Vesuvio, mozzarella di bufala, olio extravergine, basilico, formaggio grattugiato e zest di limoni di Sorrento, pure questa davvero molto buona e con un profumo irresistibile.

Insomma, buone notizie per gli amanti della pizza napoletana che ormai possono trovare anche a Roma diversi indirizzi dove soddisfare la propria fame.

SALVATORE DI MATTEO LE GOURMET
Via Vittoria Colonna 32 Roma
Tel. 06 86766621. È gradita la prenotazione.
La pizzeria è aperta dalle 12.00 alle 24.00. Il reparto caffetteria, aperitivi, cena e dopo cena dalle 7.00 alle 24.00

Print Friendly, PDF & Email
Condivisioni