Caricamento in corso

Adesioni record per PizzAward2018

John Ayertey Armah
La pizza presentata da John Ayertey Armah

Si chiude con numeri da capogiro la terza edizione del contest Oscar della Pizza – #PizzAward 2018, organizzato dal sito di registrazione di ricette Mysocialrecipe.com.
Con 400 pizze registrate da 239 pizzaioli si è ottenuto uno straordinario risultato superando di slancio i numeri della scorsa edizione. Le adesioni sono arrivate non solo da Napoli e da tutte le regioni italiane, ma anche da 31 paesi di tutti e cinque i continenti confermando l’attenzione mondiale che c’è per questa competizione che vive prima una fase web e poi una live.

Ora la Giuria, presieduta da Anna Scafuri e composta da Giorgio Calabrese, Patrizio Roversi, Antonio Puzzi, Antonio Scuteri e Scott Wiener, coordinata da Tommaso Esposito, esaminerà le pizze registrate e individuerà i dieci finalisti che si contenderanno il titolo durante l’evento previsto a Napoli il 16 ottobre prossimo.

Ma prima di allora c’è un grande appuntamento per il contest: l’11 settembre a Roma ci sarà la presentazione delle terne, votate da un’Academy di esperti, dei locali e delle pizzerie che concorrono al titolo di Pizzaiolo dell’Anno, Pizzeria dell’Anno e Premio alla Carriera, i cui nomi saranno rivelati nel corso della serata, riservata alla stampa, al Romeo Chef&Baker.

Non è finita: Oscar della Pizza – #PizzAward vuol dire anche impegno per il sociale: quest’anno infatti è stato organizzato anche un corso di pizzaiolo tenuto dal Presidente dell’Associazione Pizzaioli Esperti, Fabio Cristiano, rivolto ad alcuni migranti ospiti dei centri di prima accoglienza e gestiti dall’Associazione Virtus Italia- Impresa Sociale in collaborazione con la Prefettura di Napoli, nella sede della Scuola di Pizzaiolo a Bagnoli.

Un grande momento celebrativo organizzato nel primo anno in cui l’Arte del Pizzaiolo Napoletano è diventata ufficialmente Patrimonio Immateriale dell’Umanità, riconoscimento a cui hanno contribuito anche le prime due edizioni del contest, denominate appunto #pizzaUnesco. “Sono soddisfatta di questo risultato – spiega Francesca Marino, ideatrice dell’evento e della piattaforma Mysocialrecipe – per l’entusiasmo mostrato dai pizzaioli che non hanno esitato a mettersi in gioco.”

L’iniziativa è sostenuta da Molino Caputo, Ferrarelle, La Fiammante, Olitalia, Parmigiano Reggiano, Scugnizzo Napoletano, Sorì. Tra gli sponsor anche la Birra Baladin e il Consorzio di Tutela del Prosecco DOC. E ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, della Regione Campania, del Comune di Napoli, della Camera di Commercio di Napoli, dell’Associazione Italiana Sommelier, dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, dell’Associazione Verace Pizza Napoletana e dell’EcoMuseo della dieta Mediterranea di Pioppi. Partner dell’iniziativa sono CuArtigiana, la Scuola Dolce&Salato, Event Planet Food, Gi-Metal, Ho.Re.Ca. Service, Palazzo Caracciolo MGallery bySophitel, Scuola di Pizzaiolo e Sì Impresa.

fonte: comunicato stampa

Print Friendly, PDF & Email

Lascia in Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni