Caricamento in corso

Il pomodoro Incontro di DaZero dal cocktail al gelato, passando per le pizze

Il tavolo del viaggio delle Pizzerie DaZero è sempre imbandito e continua il cammino lungo le meraviglie gastronomiche della terra del Cilento.

La prossima tappa è dedicata al pomodoro. E non a un pomodoro qualunque ma ad Incontro, il pomodoro confezionato per DaZero dall’azienda cilentana di Francesco Vastola con il noto marchio Maida*. Un progetto iniziato l’anno scorso per fortificare ancor di più la rete di artigiani che è la vera forza del brand DaZero: produttori di ortaggi, frutti, formaggi, salumi, vini, olio Evo, birre, trasformatori di pesce che condiscono le pizze targate DaZero.

Una serata tinta di rosso con il pomodoro Incontro protagonista. Ma non sarà solo uno degli ingredienti delle pizze. Un menu speciale infatti prevede anche un cocktail a base di pomodoro realizzato in esclusiva per DaZero da Lab 54*, cocktail bar di Vallo della Lucania (SA). Sarà un drink a base di Franciacorta Rosé, pomodoro, lime e basilico. Anche qui per sottolineare l’incontro con la Lombardia e suoi vini di punta. 

Inoltre la chiusura è dedicata al gelato di Orso Bianco*, altra realtà cilentana di stanza a Milano che propone un gusto a base di ricotta di bufala e pomodoro, “Incontro la Bufala”, il suo nome. 

La nuova festa è tutta per l’”oro rosso” delle campagne di Capaccio- Paestum dove ha sede l’azienda Vastola. Qui Francesco con la sua famiglia vanta una storia trentennale dedicata alle coltivazioni locali. Negli anni ha selezionato diversi semi di ortaggi e piante di qualità. Così dal suo semenzaio dà vita alle piantine che poi trapianta nei campi dell’azienda e le coltiva fino al momento della lavorazione nel laboratorio a pochi metri da quei campi. Per DaZero ha scelto due tipologie di pomodori che contribuiscono a creare una salsa unica, ispirata alla vera tradizione cilentana:pomodoro lungo (tipo San Marzano) e un altro tondo (particolarmente succoso). Il risultato è quanto di più genuino si possa trovare in un barattolo di vetro a cui viene aggiunto semplicemente una foglia di basilico. Le tradizioni delle conserve in Cilento sono ancora oggi una realtà consolidata ed è per questo che, per festeggiare un rito che rimane ben saldo nelle case, DaZero lancia una confezione limited edition, il pomodoro Incontro in bottiglia di vetro.

La ripartenza del brand DaZero, dopo l’emergenza sanitaria che ha colpito tutta la filiera, punta a contribuire in modo significativo al riavvio del settore lavorando concretamente sulla valorizzazione della tradizione artigiana del Cilento, la terra dove è nato il progetto e che ha costruito la propria identità nella fiducia riposta nell’eccellenza e nella laboriosità degli imprenditori cilentani. Incontro è solo il primo di una serie di progetti di co-branding che vedrà protagonisti il brand della pizzeria con altri produttori campani, attori principali della famosa Dieta Mediterranea che proprio in Cilento ha visto la sua nascita.

Altra novità che si inserisce nel percorso di crescita ed investimento è l’apertura di una nuova pizzeria DaZero a Firenze, sul Lungarno Ferrucci 

Una sessantina i posti a disposizione di chi vuole conoscere, anche nel capoluogo toscano, le bontà enogastronomiche cilentane, secondo la formula già attuata in altre sedi (Vallo della Lucania, Milano, Torino e Matera), di incontro tra prodotti campani ed eccellenze locali. Non mancheranno infatti il Pecorino di Pienza, il prosciutto del Casentino, la mortadella di Prato, la cipolla di Certaldo (tutti presidi Slow Food), oltre a una piccola ma attenta selezione di vini toscani.

*Lab 54. Un cocktail bar divenuto anche ristorante che mancava in Cilento: dalla mattina a partire dalle colazione fino a sera per un bicchiere dopo cena, con una drink list ben centrata sui cocktail Iba, ma anche tante proposte made in Cilento a seconda della stagionalità del prodotto. 

* Orso Bianco. Due cilentani con la passione del gelato a Milano. Orso Bianco esiste dal 2013 e ha scelto la zona dei Navigli per creare i suoi gusti. Ci sono tutti i classici della gelateria artigianale, ma alcuni rimandi alla terra d’origine non possono mancare, come quello al fico bianco del Cilento, un presidio Slow Food. 

*L’azienda Agricola Francesco Vastola si trova a pochi km dal sito archeologico di Paestum, patrimonio Unesco. In queste “terre antiche” Francesco da trent’anni produce e poi confeziona prodotti altamente qualitativi e genuini con il marchio MAIDA. Il figlio Fabrizio lo affianca nella conduzione dell’azienda. Dalla produzione sono banditi assolutamente conservanti e additivi chimici, con uso esclusivo di olio extravergine di oliva. La varietà della produzione ortofrutticola si coniuga con l’originalità del packaging, cosi da offrire insieme al bello il buono di un territorio dall’alta varietà biologica. 

Il menu della serata ha un costo di 20 euro bevande escluse

Giovedì 1 ottobre 2020 ore 19.30
Pizzeria DaZero
via A. De Amicis 45

Per prenotazioni chiamare lo 02-84214296

Fonte: Comunicato Stampa

Lascia in Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni