Caricamento in corso
img  wa

La Buona Pizza sbarca in Sardegna

Dall’8 al 10 dicembre si è svolto a Sassari, nel antico Mercato civico e nel centro storico cittadino, il Weekend dei Gusti, una 3 giorni di gusto tra birre artigianali e cibo da strada. Durante il weekend erano previsti alcuni eventi collaterali tra i quali degustazioni di vino e birra, cene a tema, laboratori per adulti e bambini, concerti, spettacoli e la presentazione del nostro libro “La Buona Pizza accompagnata dalle buonissime pizze di Massimo Bosco e la degustazione di birre condotta da Lorenzo Dabove, in arte Kuaska.

img-20161210-wa0023
Massimo è arrivato da Tempio nel primo pomeriggio per lavorare impasti e farciture presso la Pizzeria Cocco dal 1968 di Gianfranco Cocco, che lo ha gentilmente ospitato.
Alle 18.30 è cominciata la presentazione e, devo ammettere, non avevo valutato che mi sarei ritrovata tra due “primedonne” capaci e narcise, che hanno saputo ammaliare e interessare il pubblico presente.
Massimo ha raccontato brevemente la sua storia, il sentire l’impasto e la farina nel sangue, la coerenza e le ricerca che mette nella selezione delle materie prime non solo a Km zero “perché come farei a fare la pizza con il grano sardo….”, ha ribadito il suo essere anarchico e un pò ribelle, ma anche di amare profondamente la sua terra e il suo lavoro.
img-20161210-wa0022
Gli ha fatto da spalla Kuaska e molte sono state le similitudini tra pizza e birra, tra il lavoro del pizzaiolo e quello del birraio, tra l’attesa e il risultato finale.
Massimo ci ha poi deliziato con tre abbondanti e gustose pizze straordinarie, con lo stesso impasto fatto con un blend di farine tipo 0, tipo 2 e semola rimacinata di grano duro sardo, lievitato per 48 ore con una biga e poi cotte nel forno elettrico a 300 gradi.
img-20161210-wa0017
Servite a tranci, calde e profumate, hanno rivelato, ancora una volta, che Bosco è “un piccolo grande uomo” della pizza, capace di mixare sapori semplici e materie prime uniche, possibilmente sarde e di piccoli produttori come quelle che abbiamo assaggiato sulle sue pizze.
Ovin forth (un erborinato di pecora da sballo) e noci
20161209_195025
Purpuzza (salsiccia fresca di maiale) e fungo Antunna
20161209_194337
Tonno affumicato e rucola
20161209_200611
Appassionati e curiosi si sono poi fermati a chiacchierare con Bosco che si è prestato molto volentieri alle domande e curiosità dei buongustai presenti, tant’è che hanno dovuto cacciarci dal Palazzo della Frumentaria dove eravamo ospiti.
Perchè la buona pizza lascia sempre il segno.

Lascia in Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni