Caricamento in corso
sbanco Martucci

Sbanco&Friends, arriva Martucci

Nuovo appuntamento con Sbanco&Friends. Questa volta a trovare Stefano Callegari e Marco Pucciotti è arrivato Francesco Martucci.

Ormai ci abbiamo fatto l’abitudine: nelle serate della rassegna Sbanco&Friends – in cui il locale romano di Marco Pucciotti e Stefano Callegari lascia il forno, o gli impasti della casa, alle mani esperte di qualche ospite da fuori città – può accadere di tutto. Dunque non ci facciamo più sorprendere (quasi) da nulla, nemmeno dalle sorprese!

Però quella di lunedì scorso è stata davvero memorabile, anche perché l’ospite in questione era di quelli difficile da stanare dal proprio locale: Francesco Martucci, che lascia il banco de I Masanielli solo nei giorni di chiusura del locale, o in casi super eccezionali. Gran pienone quindi, 150 prenotati (e stop, per garantire a tutti una serata piacevole e divertente) e un menu ben calibrato che ha permesso di godersi appieno tutto, dai fritti – a cura di Stefano ma ispirati alla tradizione campana – alle strepitose pizze di Francesco, davvero in grandissima forma anche fuori casa (anche grazie al suo team carichissimo).
La “sorpresa” finale ve la sveliamo alla fine, mentre a dare supporto morale c’erano appunto Marco Pucciotti e Lilia Colonna – pastry chef de I Masanielli e compagna di Martucci – e tanti amici e colleghi (nostri e dei pizzaioli) venuti per mangiare o anche solo per un saluto in tarda serata.

Sbanco&Friends con Francesco Martucci, gli assaggi

Ed ecco quello che abbiamo mangiato, accompagnato – nel mio caso – da un’ottima e rinfrescante Great Gatsby, Session Ipa del birrificio friulano Foglie d’Erba.

Tris di fritti, mangiati dall’inizio alla fine senza condividerne nemmeno una briciola: “Tra crocchetta e cianfotta” – sorta di crocchetta di patate con cipolla, melanzane, peperoni ed erbe aromatiche, un po’ penalizzata dal fatto di averla assaggiata per ultima -, il Supplì alla genovese di Nero Casertano – saporitissimo e dalla perfetta consistenza – e la Menesta Mmaretata fritta, con gli spaghettini spezzati cotti nel brodo con verdure selvatiche, erbe aromatiche, salsiccia e panatura di scagliozzi (pezzi di polenta fritta tipici della friggitoria partenopea).

sbanco Martucci

Poi le pizze, direttamente dal menu de I Masanielli.

Iniziamo con una proposta che non avevo mai assaggiato e che mi ha assolutamente conquistata per il gusto intenso e l’eleganza: la 4 pomodori in 4 consistenze, condita prima della cottura con pomodorino ciliegino semi-dried, crema di pomodoro arrostito, pomodoro datterino giallo/rosso confit, e mozzarella di bufala campana DOP. Dopo la cottura vengono aggiunti pomodoro lampadina secco, primosale di bufala e olio extravergine Raro di Madonna dell’Olivo. E se il pomodoro secco si staglia deciso sopra gli altri, l’armonia complessiva tenuta insieme dall’impasto morbidissimo ma con il cornicione appena croccante è notevole.

IMG

Segue la 4 consistenze della cipolla, già assaggiata a Caserta, che dimostra ancora una volta la bravura di Francesco Martucci nel giocare con un solo ingrediente – nelle sue sfumature – senza risultare monocorde: crema di cipolla di Acqua Viva delle Fonti, cipolla ramata di Montoro appassita all’uva sultanina, croccante di cipolla di Alife, polvere di cipolla Giarratana.

IMG

Infine, la famosa Mani di Velluto: crema di friarielli in acqua di ricotta di bufala, mozzarella di bufala campana DOP, salsiccia a punta di coltello di suino grigio ardesia, pecorino Calcagno a crosta liscia, olio extravergine U Trappiddu. Super saporita, davvero vellutata nella texture, opulenta eppure a suo modo elegante, si mangia che è un piacere!

IMG

A chiudere è arrivato il tris di gelato di Basilico, Bufala e Pomodorini di Marco Radicioni di Otaleg, omaggio tricolore non tanto alla patria quanto alla Margherita!

Lascia in Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni