Caricamento in corso
Pizzerie d'Italia 2019

Pizzerie d’Italia 2019, il Gambero Rosso dà i voti

Pizzerie d’Italia 2019, presentata a Napoli la nuova edizione della guida del Gambero Rosso. Tra premi speciali e Tre Spicchi, la novità di quest’anno sono i voti in centesimi.

 

Pizzerie d'Italia 2019

“Il mondo della pizza è in continua evoluzione, solo 10 anni fa sarebbe stato inimmaginabile prevedere dove sarebbero arrivati i pizzaioli per quanto riguarda qualità e visibilità. E’ arrivato il momento di mettere un po’ d’ordine, fare il punto e anche dare qualche stimolo in più, soprattutto per i più giovani”. Così Laura Mantovano, direttore editoriale del Gambero Rosso, ha introdotto la presentazione della nuova edizione della guida Pizzerie d’Italia e soprattutto la sua novità principale: l’introduzione dei voti in centesimi per ogni pizzeria, in aggiunta ai simboli di spicchi e rotelle da 1 a 3, calcolati sommando tre voci ben precise: pizza (che comprende impasto, lievitazione, stagionalità dei topping, equilibrio dei condimenti), servizio (che include anche la proposta beveraggi e la capacità di racconto e proposta in sala) e ambiente.

"Il mondo della pizza è in continua evoluzione, solo 10 anni fa sarebbe stato inimmaginabile prevedere dove sarebbero arrivati i pizzaioli per quanto riguarda qualità e visibilità. E' arrivato il momento di mettere un po' d'ordine, fare il punto e anche dare qualche stimolo in più, soprattutto per i più giovani". Così Laura Mantovano, direttore editoriale del Gambero Rosso, ha introdotto la presentazione della nuova edizione della guida Pizzerie d'Italia e soprattutto la sua novità principale: l'introduzione dei voti in centesimi per ogni pizzeria, in aggiunta ai simboli di spicchi e rotelle da 1 a 3, calcolati sommando tre voci ben precise: pizza (che comprende impasto, lievitazione, stagionalità dei topping, equilibrio dei condimenti), servizio (che include anche la proposta beveraggi e la capacità di racconto e proposta in sala) e ambiente.

Dai 90 punti in su scattano i Tre Spicchi, il punteggio massimo assegnato è stato di 96 ed è andato a due grandi maestri riconosciuti che hanno in qualche modo rivoluzionato il mondo della pizza, Franco Pepe e Simone Padoan, seguiti a ruota dal Pizzarium di Gabriele Bonci con 95 (stesso punteggio anche alla Filiale all’albereti per Pepe) e da Enzo Coccia che fa l’en plein: 94 per La Notizia al civico 94 di via Caravaggio, 93 per La Notizia al civico 53 e 92 per ‘O Sfizio d’a Notizia.

"Il mondo della pizza è in continua evoluzione, solo 10 anni fa sarebbe stato inimmaginabile prevedere dove sarebbero arrivati i pizzaioli per quanto riguarda qualità e visibilità. E' arrivato il momento di mettere un po' d'ordine, fare il punto e anche dare qualche stimolo in più, soprattutto per i più giovani". Così Laura Mantovano, direttore editoriale del Gambero Rosso, ha introdotto la presentazione della nuova edizione della guida Pizzerie d'Italia e soprattutto la sua novità principale: l'introduzione dei voti in centesimi per ogni pizzeria, in aggiunta ai simboli di spicchi e rotelle da 1 a 3, calcolati sommando tre voci ben precise: pizza (che comprende impasto, lievitazione, stagionalità dei topping, equilibrio dei condimenti), servizio (che include anche la proposta beveraggi e la capacità di racconto e proposta in sala) e ambiente.

"Il mondo della pizza è in continua evoluzione, solo 10 anni fa sarebbe stato inimmaginabile prevedere dove sarebbero arrivati i pizzaioli per quanto riguarda qualità e visibilità. E' arrivato il momento di mettere un po' d'ordine, fare il punto e anche dare qualche stimolo in più, soprattutto per i più giovani". Così Laura Mantovano, direttore editoriale del Gambero Rosso, ha introdotto la presentazione della nuova edizione della guida Pizzerie d'Italia e soprattutto la sua novità principale: l'introduzione dei voti in centesimi per ogni pizzeria, in aggiunta ai simboli di spicchi e rotelle da 1 a 3, calcolati sommando tre voci ben precise: pizza (che comprende impasto, lievitazione, stagionalità dei topping, equilibrio dei condimenti), servizio (che include anche la proposta beveraggi e la capacità di racconto e proposta in sala) e ambiente.Pizzerie d’Italia 2019, i nuovi Tre Spicchi

Se per l’elenco completo dei premiati rimandiamo alla guida del Gambero Rosso, ecco le 12 new entry dell’edizione 2019:

Tra le “napoletane” entrano nei Tre Spicchi Casa Vitiello a Caserta di Ciccio VitielloBattil’Oro Fuochi + Spiriti + Lieviti a Seravezza, di Gennaro Battiloro, Officine del Cibo a Sarzana, Al Fresco a Firenze (con la firma di Romualdo Rizzuti,  Tre Spicchi anche al suo locale Le Follie di Romualdo), Guglielmo Vuolo Verona – con il pizzaiolo napoletano da Assaporito – e  Il Vecchio e il Mare ancora a Firenze.

Tra le pizze all’italiana invece entra Seu Pizza Illuminati a Roma mentre le novità per la pizza a degustazione sono Sesto Gusto (nuovo corso di Massimiliano Prete a Torino), Da Ezio ad Alano di Piave di Denis Lovatel, La Pergola di Radicondoli, di Tommaso Vatti, La Ventola di Antonio Polzella a Rosignano Marittimo (aiutato da tutta la famiglia in un progetto che punta alla produzione del 100% di tutte le materie prime per l’impasto) e L’Osteria di Birra del Borgo a Roma, con Luca Pezzetta e le sue buonissime teglie – ma non solo – proposte in modalità degustazione.

Pizzerie d’Italia 2019, i Premi Speciali

Ed ecco infine i premi speciali della guida, assegnati per l’impasto, le pizze o altre caratteristiche particolari del locale o del pizzaiolo.

Il premio per La migliore carta delle bevande – che include vino e birra o altro – va a ZenZero Osteria della Pizza di Pisa e alla pizzeria  Concettina ai Tre Santi di Napoli.

I Maestri dell’impasto di quest’anno sono invece Gennaro Battiloro da Battil’Oro Fuochi + Lieviti + SpiritiFrancesco e Salvatore Salvo della Pizzeria Salvo a San Giorgio a Cremano (NA).

I Pizzaioli emergenti – su cui siamo particolarmente d’accordo con la guida – sono Luca Mastracci di Pupillo Pura Pizza a Priverno (LT) e Valentino Tafuri di 3Voglie a Battipaglia (SA).

Ed ecco le pizze premiate come Pizze dell’Anno:

Miglior Pizza a degustazione è la Dalla Terra (Fiordilatte pugliese, ricotta di capra, indivia brasata, broccoli verdi, puntarelle, crema di carote allo zenzero, polvere di rape rosse) di Gigi Pipa a Este (PD).

Pizzerie d'Italia 2019Miglior Pizza all’italiana è la Hops, ho fatto un cocktail di gamberi! (burrata pugliese, gamberetti marinati al gin, succo d’arancia e Cointreau, asparagi selvatici, pomodorino giallo, fiori di fiordaliso ed extravergine agrumato) di Giangi’s Pizza ad Arielli (CH).

Pizzerie d'Italia 2019Miglior Pizza napoletana è la Lungomare Caracciolo (Fiordilatte, alici fritte, alghe croccanti e limone grattugiato) di Guglielmo Vuolo Verona.

Migliore Pizza a taglio è la Pizzocchera (Caciotta, patate e verze, burro di montagna, Silter della Val Camonica) di Alimento a Brescia.

Migliore Pizza dolce è la Tra fior di fragola e croccante (Zucchero di canna, fragole in osmosi, coulis di fragola, mantecato di ricotta e lime, croccante home made di frutta secca) di Seu Pizza Illuminati a Roma.

"Il mondo della pizza è in continua evoluzione, solo 10 anni fa sarebbe stato inimmaginabile prevedere dove sarebbero arrivati i pizzaioli per quanto riguarda qualità e visibilità. E' arrivato il momento di mettere un po' d'ordine, fare il punto e anche dare qualche stimolo in più, soprattutto per i più giovani". Così Laura Mantovano, direttore editoriale del Gambero Rosso, ha introdotto la presentazione della nuova edizione della guida Pizzerie d'Italia e soprattutto la sua novità principale: l'introduzione dei voti in centesimi per ogni pizzeria, in aggiunta ai simboli di spicchi e rotelle da 1 a 3, calcolati sommando tre voci ben precise: pizza (che comprende impasto, lievitazione, stagionalità dei topping, equilibrio dei condimenti), servizio (che include anche la proposta beveraggi e la capacità di racconto e proposta in sala) e ambiente.

Al termine della presentazione, nonostante un po’ di calca, siamo riuscite anche ad assaggiare alcune delle pizze proposte dai premiati!

Lascia in Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni